L'Antiblog de Christophe

› LA LANGUE DE LA NUIT

Posté le : 11-05-2016 Catégorie: L'HERITAGE DE GUY DEBORD

LA LANGUE DE LA NUIT

 

 

Devait-on s’y attendre et assiste-t-on à un processus inéluctable et quasiment mécaniste ?

Depuis son suicide en 1994, Guy Debord fait l’objet d’une canonisation rampante . On l’adule, on le révère, on le médite, on l’invoque, on s’en réclame, on l’annexe, on le déifie.

Le spectre des adorateurs se révèle étonnamment large. Au nombre des sectateurs de Guy Debord, on pointe les jeunes autonomes des Black Blocs et les théoriciens du Comité invisible, qui communient de concert avec Jean Daniel, Karl Zéro, Giorgio Agamben, ou Alain de Benoist.

Les uns et les autres avancent bien souvent des arguments contradictoires.

Tel est bien le paradoxe fondateur du legs de Guy Debord. Chacun peut y piocher à sa guise, tant l’œuvre se dérobe aux classifications.

Un hommage à ce point universel ne manque évidemment pas de susciter le soupçon. L’astre noir de la littérature et l’ennemi de son temps se trouve aujourd’hui couvert de fleurs par ceux là même qu’il conchiait avec verve.

La Debordmania relève de la récupération. Il y a ici comme un parfum de revanche perverse.

On peut aussi éclairer la scène sous une autre lumière et juger que Debord était un classique, que l’actuelle reconnaissance se trouve légitime, qu’elle correspond à l’inéluctable, et qu’elle permet aux textes de parvenir au plus grand nombre.

Pourquoi devrait-on condamner Debord à la clandestinité, sous prétexte qu’il porte sur son époque un jugement d’une incroyable alacrité ?

L’auteur des Hurlements en faveur de Sade avait , semble-t-il, prévu les événements futurs. La publication de sa Correspondance, démarrée chez fayard en 1999, et qui s’est achevée en 2010 au bout de huit volumes, démontre en tout cas un relatif souci de transparence.

La correspondance est certes loin d’être complète et on peut déplorer de curieux oublis. Manquent les lettres à Michèle Bernstein ou à Jacqueline de Jong.

Alice, la veuve officielle de Guy Debord, ne m’a jamais aimé.

Sans doute a-t-elle regretté que je ne lui donne pas à lire le manuscrit du présent ouvrage, avant publication. Plus tard, elle m’a écrit, en affirmant que le livre contenait des centaines d’erreurs. Je lui ai proposé de les corriger. Elle a refusé, mais pourquoi ? Plus tard, dans une lettre, elle n’en a plus trouvé que trois. Peu importe au fond...

On lui doit beaucoup. Elle a organisé, régulé, planifié la panthéonisation de Guy Debord.

Grace à elle, Debord à été “ ambassadeur culturel ” de France en 2004 et les ambassades ont accueilli des débats, des expositions contenant des pièces encore inédites.

En 2005, elle a veillé à ce qu’Olivier Assayas organise l’édition des Oeuvres cinématographiques, qui sont sorties en DVD chez Gaumont.

En 2006, elle a veillé à la réédition du Jeu de la guerre, un authentique jeu qu’elle avait autrefois inventé avec Debord. Il est devenu un jeu vidéo en 2008 sous le nom du Kriegspiel.

La même année, elle a participé à un cycle de conférences et de projections, qui s’est déroulé dans l’enceinte de la Villa Medicis, à Rome, à l’initiative de Fabien Danesi.

En 2009, les archives de Guy Debord ont été classées “ trésor national ” par le gouvernement français. Elles ont été déposées à la Bibliothèque nationale de France après avoir été inventoriées par Michel Lefebvre et Benoît Forgeot.

On lui doit enfin en 2010 l’édition d’Oeuvres sonores, qui démontrent l’intérêt que Debord portait à la radio.

A l’heure où un nouvel éditeur décide de republier Vie et mort de Guy Debord, le regard général s’est ainsi transformé.

Hier, je traçais une piste inédite au cœur d’une forêt luxuriante. Je m’initiais en solitaire à la langue de la nuit .

Aujourd’hui, des meutes d’universitaires se ruent sur Debord et prétendent l’interpréter, en une glose mielleuse nourrie par le sophisme.

Devais-je pour autant modifier le texte de base, ou bien le laisser en l’état ?

J’ai choisi d’apporter des corrections. J’ai notamment tenu compte de remarques tardives de Michèle Bernstein. J’ai aussi écouté ce que disait Alice Debord, en dépit du mépris qui, sans cesse, transparaissait dans les lettres qu’elle m’envoyait.

Et voilà.

Le livre est là, vivant, évoluant. Il raconte une histoire. Il dit quelque chose d’un homme que je n’ai pas connu, que j’ai simplement lu, et dont l’œuvre m’a parlé, comme en un dialogue secret.

J’aimerais pour finir lui laisser la parole, parce que c’est la moindre des choses :

“ La sagesse ne viendra jamais ”.

Christophe Bourseiller , 1er novembre 2010

Commentaires

Gravatar

Danilo Fabbroni

22-07-2016

Il testo di gran lunga più famoso di Champ Libre è stato La società dello spettacolo, di Guy Debord, scrittore e cineasta, che all’età di sessantadue anni si tolse la vita nella casa di campagna nel centro della Francia.
Debord scrisse il libro dal 1966 al 1967 a Parigi al n. 169 della rue Saint-Jacques.
Sebbene l’autore si piccasse di un manto di estrema originalità ad onor del vero le tesi propugnate erano dei boli ben rimasticati prendendo largo spunto dalle opere di Henri Lefebvre che con la sua Critica della vita quotidiana, anticipò non di poco le tematiche situazioniste.
Nondimeno una volta che le linee guida situazioniste si affermarono, tale autore fu lasciato ai margini ed addirittura sbeffeggiato come retrogrado marxista et cetera et cetera, con il solito metodo della calunnia.
Un po’ come fece Elias Canetti con Karl Kraus.
Kraus passò da essere il faro del pensiero per Canetti al cestino dove ci si sbarazza dei propri odii più profondi.
Ma un altro autore fu saccheggiato a fondo, anche grazie al suo ponderoso lavoro fatto sulla costruzione dell’Immagine nella società, che costituiva un ghiotto materiale prét à porter per questi indossatori delle idee altrui.
L’autore era Daniel J. Boorstin.
Nel 1962, infatti, pubblicò The Image: A Guide to Pseudo-events in America, che fu ripreso in larga misura da Debord per intessere il suo testo.
Serge de Beketch, un provocatorio giornalista parigino, commentando il misterioso assassinio di Lébovici, il benefattore di Debord, sosteneva che quest’ultimo avesse un conto bancario in una banca sovietica, e che fosse un agente della CIA sotto estrema copertura.
In effetti «tutte queste illazioni che sempre avevano accompagnato l’Internazionale Situazionista e i suoi membri, riguardarono in modo particolare la provenienza del denaro, poiché l’accusa maggiormente sostenuta contro i situazionisti era quella di essere molto ricchi per via ereditaria e di aver ottenuto la ricchezza attraverso l’Internazionale Situazionista; di esser finanziati con oscure risorse e di essere dei banditi.
Il fatto che l’Internazionale Situazionista pubblicasse una rivista patinata, confezionata elegantemente ed in modo assai curato, tanto da discostarsi platealmente dagli illeggibili ciclostilati, zeppi di testo e privi di immagini che allora andavano per lo più nell’ambiente della sinistra extraparlamentare, e soprattutto che questa fosse venduta ad un prezzo che fin dalla sua nascita era sempre stato di tre franchi, aveva suscitato forti dubbi circa il suo finanziamento, così da far sospettare che un lusso simile non potesse trovare altra giustificazione che la provenienza di finanziamenti dalla Germania dell’Est o da Boris Souvarine (che però pare aver avuto qualche difficoltà per continuare la sua rivista) dalla massoneria, e persino dalla CIA».

Mercoledì 7 marzo del 1984, alle 3 del mattino, il vigile del parcheggio dell’avenue Foch a Parigi, fa la sua ronda con il suo rottweiler che gli serve da ausiliario, quando si insospettisce da un’autovettura, una Renault 30 TX, ferma al primo piano inferiore, davanti ad una porta taglia-fuoco, con tutti i fari accesi.
Il conducente è chino sul volante, con delle tracce di sangue sui suoi vestiti. La polizia allertata fa i suoi primi accertamenti. La vittima è stata uccisa da quattro pallottole calibro 22 lungo nella nuca, a distanza ravvicinata. Tre bossoli sono sui tappetini della macchina, mentre il quarto è posato sul vetro posteriore: il messaggio è chiaro, il crimine è stato fatto per contratto.

Uomo del mistero, Lébovici è morto come ha vissuto, nel mistero appunto.
Da notare che anche un altro profondo conoscitore di ambienti oscuri ebbe fine simile.
Ioan Petru Culianu, di cui abbiamo già accennato, fu assassinato, a freddo, nei bagni dell’Università di Chicago, si narra ad opera della Securitat, i servizi segreti rumeni, sebbene la scena e le modalità dell’assassinio potevano facilmente ricordare uno scenario pasoliniano da Salò o Le 120 giornate di Sodoma.
Un ennesimo a cui si adatta il motto: «Un uomo che, dinanzi ai molti stolti che in ogni mistero vedono una mistificazione, ha saputo dimostrare con la dedizione di una vita intera che la mistificazione stessa è uno dei misteri più profondi».

Chi chiese a Lébovici come avesse fatto ad impadronirsi della potente agenzia di spettacolo sua principale concorrente, appartenente ad André Bernheim (qualche parentela per puro caso con il ramo della famiglia Bernheim che ebbe anche un presidente delle assicurazioni Generali?), rispose: Mi sono arrangiato.

Quale era dunque l’arte di arrangiarsi di questo uomo-ombra Lébovici?
Quella di condividere in pieno gli état d’ésprit che si andavano affermando prepotentemente come non mai?
La pornofilia senza limiti alcuno, ad esempio. Il sesso era capitale per Lébovici: lo appellava come “culo” tout court, a detta di Gérard Guégan, un suo diretto conoscente.
O l’essere «attirato da tutto quello che è illegale: l’incesto tra fratello e sorella, la droga, l’abuso di alcool […] le fanciulle in minore età, le case di correzione, la prigione?».
O l’affinità – tutta da spiegare - con i burattinai della cosiddetta cultura francese, quale il potentissimo editore Daniel Filipacchi, patron di un gruppo di stampa capitalista?
E quale rapporto esisteva, semmai ce ne fosse stato uno, con la casa editrice Adelphi in cui Floriana, la moglie di Lébovici aveva mosso i primi passi nel mondo editoriale?
E che dire della cinese di Shangai, Alice Ho, moglie di Debord dal 1970, di cui la madre teneva un ristorante sospettato dai servizi francesi d’essere un riparo per i corrispondenti della Cina comunista?
Trecce, orditi e filamenti di una stessa costellazione o solo casualità apparente?


«Lunedì 5 marzo 1984, Gérard Lébovici si trova nel suo ufficio, 11 bis, via Kepler, piano AAA.
Alle 13, egli fa colazione al ristorante dell’hotel George V con Serge Siritzky, potente patron della sala. Alla fine del pomeriggio, verso le 5 e mezza, la sua segretaria Régine Cordelier riceva una chiamata telefonica di un uomo che le chiede di parlare con Lebovici. Egli rifiuta di dare la sua identità, precisando che si tratta di un affare personale.
Lo stesso richiama tre volte, e alla fine lascia questo messaggio: “Dite a Lébovici che è da parte di Sabrine….”.
Gerard Lébovici prende il messaggio […].
Qualche minuto più tardi, egli lascia l’ufficio, e chiama sua moglie per dirle che arriverà in ritardo per la cena.
Le chiede di scusarsi con i loro invitati e congeda il suo autista.
Lébovici non ama guidare. Sono le 18 e 30. Egli prende la direzione de La place de l’Etoile al volante della sua Renault 30 TX».
Va incontro alla morte.

«Dieci anni più tardi, Debord si suicida, con una pallottola di carabina in pieno cuore nella sua casa di Champot».

Qual è stata dunque la causa scatenante dell’esecuzione a freddo di Lébovici?
Si avanza l’ipotesi nel libro di Jean-Luc Douin che Lébovici fosse un produttore di cassette VHS porno e che il suo operato nel settore cinematografico fosse nient’altro che un modo per lavare il danaro sporco guadagnato nel circuito pornografico.
Qualche mese più tardi anche il distributore di film Jacques Navas sarà assassinato.
Poi uno strano romanzo, firmato a quattro mani da François Caviglioli e Marc Francelet, Master, per i tipi di Filipacchi, racconta di un produttore ed editore, stratega tortuoso, legato al terrorismo internazionale, il quale dirige una sorta di loggia P2 francese. La vicenda del libro si dipana con impressionanti rassomiglianze con la vita reale di Lébovici e si conclude con la stessa sorte subita da quest’ultimo, mettendo l’accento su un oscuro traffico di cassette di film di successo.
Pudicamente non si accenna che tra i film di più grosso successo ci sono quelli a contenuto hard.
In più apparve un dossier, Lébovici, le piste secret-défense, in cui si afferma «che la scomparsa del più potente produttore del cinema francese sia stata legata a quella di un’avventuriera di cui le attività galanti sono crudelmente terminate nel deserto dello Yemen. Il 10 ottobre 1977, Véronique Troy, ventisei anni, è uccisa nello Yemen del Nord con la sua compagna di viaggio, Francoise Scrivano. Conosciute dai servizi di polizia come due mannequin o hostess del quartiere Champs-Elysées, queste due donne erano andate nello Yemen per un preteso servizio di moda.
Le hanno ritrovate in una vettura, nude e decapitate. “Paris Match” rivela che in realtà la Troy lavora per i servizi speciali francesi.
Russa d’origine […] figlia di un ufficiale […] che a sua volta era infiltrato nei servizi segreti cinesi […] avrebbe incontrato Lébovici durante gli anni Sessanta».

La scia di sangue continua con il suicidio di Gèrard Voitey, un altro della compagine, nella notte tra il 2 e il 3 dicembre 1994.
Jean-Luc Douin si chiede «[…] perché, venti anni dopo la morte brutale di Gérard Lebovici, tanta gente si rifiuta di parlarne?
Di che cosa hanno paura? […] Sanno cose che li spaventa?».

E Debord nei suoi Commentari sulla Società dello Spettacolo perché alludeva ad una rete di maghi del segreto e della comunicazione «allorché avviene che la transizione dei mass media faccia da copertura tra molte imprese, ufficialmente indipendenti ma, di fatto, collegate segretamente grazie a varie reti ad hoc»?

E come mai scrive che «ormai è possibile pubblicare un romanzo per preparare un assassinio»?
Cosa voleva dire scrivendo che «la massima ambizione dello spettacolare integrato è pur sempre che gli agenti segreti diventino dei rivoluzionari, e che i rivoluzionari diventino degli agenti segreti»?

Cosa sapeva Debord ed ha taciuto?
A cosa alludeva dicendo: «Da vent’anni a questa parte niente è stato sommerso da tante bugie imposte quanto la storia del maggio 1968. Tuttavia sono state tratte lezioni utili da alcuni studi privi di mistificazioni su quelle giornate e sulle loro origini; ma questo è un segreto di Stato»?

Nello scrivere che «c’è un numero sempre maggiore di luoghi, nelle grandi città come in alcuni spazi riservati in campagna, che sono inaccessibili, ossia sorvegliati e protetti da tutti gli sguardi; che sono tenuti lontano dalla curiosità innocente, e al riparo dello spionaggio» egli alludeva alle safe house che abbiamo visto usare dai servizi per drogare a loro insaputa dei poveri ignari in guisa di cavie umane?
Cosa ne sapeva e come faceva a sapere Debord che «c’è un numero sempre maggiore di uomini formati per agire nel segreto; istruiti ed esercitati a non far altro. Sono distaccamenti speciali di uomini armati di archivi riservati, cioè di osservazioni e analisi segrete. E altri sono armati di varie tecniche per lo sfruttamento e la manipolazione di questi affari segreti».

Curioso ricordo.
La Zentralbibliothek di Zurigo custodisce circa centocinquanta scatole di testi non scandagliati di Elias Canetti, il quale si premunì che almeno venti di questi non venissero aperti prima di trent’anni dalla sua morte.
Cosa ha da nascondere uno scrittore di così importante?
E, parimenti, cosa aveva da nascondere Marx nella pila di manoscritti rimasti per lo più impubblicati all’Istituto Lenin di Mosca?

Qualche assonanza con la “teoria segreta” di cui «Nietzsche aveva accennato qualcosa unicamente a Lou Salomé, come scrive Franz Overbeck, nei suoi Ricordi di Nietzsche»?

È stato questo forse l’illuminismo del XX secolo – forse meglio chiamarlo Illusionismo? - che doveva promettere la Nuova Luce della Libertà, vissuto invece sotto la coltre più tenebrosa dell’opacità senza luce alcuna?
Non sarà certo Debord ad aiutarci a sciogliere l’enigma, giacché lui stesso scrisse: «Ad esempio, un giorno si potrebbe dire, se ciò fosse utile, che questo scritto [I commentari; N.d.A.] è un’impresa di disinformazione sullo spettacolo; oppure di disinformazione ai danni della democrazia, che è lo stesso».

Ma in Francia, seppur non contiguo in maniera diretta, al situazionismo si delineava in quegli anni una figura di una prepotenza culturale invasiva, quasi senza precedenti, che rispondeva al nome di Michel Foucault.
Il Dizionario Larousse della contestazione nel XX secolo dedica più spazio a Foucalt che a Lenin o a Mao.

Figura davvero misteriosa quella di Foucault, tanto che «[…] prima della sua morte, nel 1984, [egli] distrusse moltissime carte personali; nel testamento proibì la pubblicazione postuma di qualsiasi documento che potesse essergli sfuggito […] esiste almeno una persona in possesso di un manoscritto parziale del volume sulla perversione abbozzato da Foucault….ma [nessuno] lo ha mostrato perché Foucault… fece promettere esplicitamente di non farlo mai vedere a nessuno».

Cosa avevo di tanto importante da nascondere Foucault?
Forse temeva che scoprisse cosa si celava sotto quell’«inversione implicita dell’apoteosi di Cristo sulla croce, l’uomo martirizzato a causa delle sue pratiche erotiche non è rivelazione della gloria eterna di Dio in cielo, bensì del nucleo lirico dell’uomo, della sua invisibile verità, del suo visibile segreto».

«Quando morì, il 25 giugno 1984, all’età di cinquantasette anni, Michel Foucault era forse l’intellettuale in assoluto più famoso del mondo.
I suoi libri, i saggi e le interviste erano stati tradotti in sedici lingue […]. Storia della follia, pubblicato nel 1961, si rivelò il testo chiave di un gruppo di antipsichiatri del quale facevano parte R.D. Laing, David Cooper e Thomas Szasz».

***
Thomas S. Szaz, nacque a Budapest e si trasferì negli Stati Uniti dove conseguì la laurea in medicina all’Università di Cincinnati. Divenne professore emerito (sic! N.d.A.) presso l’Health Science Center a Syracuse, nello stato di New York.
Fu un grandissimo affabulatore della polemologia contro quello che lui definiva «persecuzione rituale delle droghe, dei drogati e degli spacciatori».
Tanto per saggiare la caratura di questo autentico folle paludato da medico/accademico, ricordiamo qua che una sua argomentazione preferita era quella di equiparare la possibilità di comperare la pancetta (di carne) in un libero mercato, con quella di poter acquistare liberamente la droga in un mercato libero, sostenendo che esistevano in commercio molte sostanze ben più pericolose delle droghe.
Chissà cosa dice oggi di tutti gli incidenti stradali causati dalla droga libera in “libero corpo”, in “libero mercato”?
“Libere” morti?
Forse Szaz è convinto che la pletora di morti che lui chiama “il mito della droga”, vedi alla voce Brian Jones, Elvis Presley, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Billy Murcia dei New York Dolls, Mike Bloomfield, John Bonham dei Led Zeppelin, Bon Scott degli AC/DC, Jimmy McCulloch dei Wings, Kit Lambert co-manager degli Who, Gram Parson dei Byrds, Paul Kossoff dei Free, Robbie McIntosh della Average White Band, Tommy Bolin dei Deep Purple, Lowell George dei Little Feat, Tim Buckley, Al Wilson dei Canned Heat, Brian Epstein manager dei Beatles, Frankie Lymon, Jim Morrison, Keith Moon degli Who, Sid Vicious dei Sex Pistols , Pigpen dei Grateful Dead, e via dicendo, sino alle centinia di migliaia di loro emuli, sia stata causata da overdose …di camomilla?
Oppure il mito della droga sta in questo?

«Gli affari più sporchi, gli omicidi a colpi di mannaia, lo spaccio di eroina numero 4, la più pura e pericolosa, la pedofilia, avvenivano in vicoli praticamente avvolti nelle tenebre e dai nomi espliciti. La “Strada del Piscio di Ratto”, il “Vicolo del Vomito” sono solo due esempi. Qui l’eroina si diffuse a macchia d’olio creando una popolazione di disperati disposti a tutto pur di procurarsi i soldi per la dose quotidiana e in un numero di anni straordinariamente breve».

Naturalmente Szaz era a favore dell’eutanasia, della libera circolazione degli spostati di mente, e dell’aborto.
D’altra parte, la sua malafede, o la sua ignoranza, o entrambe le cose, la si denota quando ripetutamente accusa Rockefeller di essere un caporione della lotta alla droga mentre la documentazione portata alla luce da Acid Dreams mostra che i circoli a cui apparteneva costui militavano ferocemente proprio sul versante opposto, quello della proliferazione degli stupefacenti senza remora alcuna.
George Soros, e il “Financial Times”, docet ai giorni nostri, con la loro strenua campagna pro liberalizzazione delle droghe.


***

Cosa voleva nascondere Foucault?
Forse che gnosticamente «comprendere la vita è concesso soltanto a un sapere crudele, restrittivo e già infernale che ne desidera solo la morte»?

«In un’intervista insolitamente rivelatoria del 1981 egli descrisse in dettaglio la sua attrazione per determinate forme estreme di Passione, creando un legame implicito tra un tipo distruttivo di piacere di soffrire, la preparazione di tutta la vita al suicidio e la capacità di vedere il mondo in maniera completamente diversa grazie a stati di intensa dissociazione potenzialmente autodistruttivi eppure, in modo misterioso, rivelatori. Attraverso l’ebbrezza, la reverie, l’abbandono dionisiaco dell’artista, le pratiche ascetiche più massacranti e un’esplorazione disinibita dell’erotismo sadomasochista sembrava possibile annullare, anche se per breve tempo, il confine che separa il conscio dall’inconscio, la ragione dalla non-ragione (o sragione), il piacere dal dolore…e, all’estremo limite, la vita dalla morte, scoprendo davvero come le differenze fondamentali nel gioco del vero e del falso siano flessibili, incerte e contingenti».

Questo pathos verso “un’esplorazione disinibita dell’erotismo” è comune a molti altri esponenti dei santi di Satana.
Pasolini ad esempio.
«Alberto Asor Rosa sostenne che Pasolini rappresenta il passaggio dal neorealismo “ai miti della regressione sottoproletaria”, ossia la prova generale della sostituzione del binomio Marx-Lukács con il quadrinomio Nietzsche-Freud-Mann-Bataille».
Un altro pasoliniano ma d’oltreoceano è stato Marco Vassi, scrittore nato nel 1937 a New York e morto di AIDS nel 1987, la cui intera opera è centrata su una furiosa patologia psicosessuale praticata, in guisa androgina, in prima persona, e condita con spruzzi di buddismo Zen di marca squisitamente sessantottina.
Da sottolineare che il Vassi “gravitò” anche nell’ambito dell’Aviazione americana e lì fu impiegato dai Servizi Segreti per alcune mansioni.
Del resto la sua militanza tra le schiere del Partito della Morte costituiva un fatto lapalissiano, stante le sue stesse parole: «Forse siamo entrati in un periodo di annichilimento politico. L’unico, autentico rivoluzionario è colui che ostenta uno stile di vita che considera la distruzione imminente dell’intera specie come premessa basilare».

Qui si riuniscono le Potenze dell’Aria nella loro moltitudine di sfaccettature, a spartirsi la parola d’ordine di Morte, in una cangiante girandola nihilista, a seconda dei momenti e delle circostanze: ora Grande Capitale Finanziario, ora Brigate Rosse, ora il Robert Mapplethorpe ritratto con mitra sullo sfondo del pentacolo, ora scrittore à la Vassi, o à la Mishima.
Eh sì.
Non si creda che la maschera di Shiva indossata da codesti personaggi sia esclusivo appannaggio dell’ambito sinistrorso.
Yukio Mishima fu la riprova ennesima che nulla conta il versante destrorso o sinistrorso, quanto sacro (in guisa diabolica) è il credo verso il Nulla.

Envoyez un commentaire